easyMarkets News

I nostri ultimi prodotti, aggiornamenti e servizi

Bilancio di fine anno e proiezioni per il 2024

End_Of_Year_Review_2023

Se nel 2022 ci avessero chiesto come vedevamo il 2023, non ci sarebbe mai venuto in mente che sarebbe andato come è andato. Ma siamo onesti, questo è il caso della maggior parte degli anni. Molti scettici temevano che i previsti ulteriori rialzi dei tassi da parte delle banche centrali dei Paesi sviluppati avrebbero danneggiato il mercato azionario nel 2023. Ma dopo la prima metà dell'anno, il mercato azionario è diventato resistente ai rialzi dei tassi, in quanto gli investitori hanno capito che l'inflazione sembrava essere sotto controllo e che le banche centrali non avrebbero potuto procedere a rialzi più aggressivi. All'inizio del 2023 la Federal Reserve aveva il compito di far scendere l'inflazione. Il compito era di portarla il più vicino possibile all'obiettivo del 2%. Sembra che abbia funzionato, perché dopo 4 rialzi dei tassi, l'IPC principale degli Stati Uniti si è dimezzato, passando da circa +6,4% a +3,2%. Questo ha contribuito a far salire gli asset rischiosi, come le azioni.

Months_Graph

I principali indici statunitensi sono stati visti come un giro sulle montagne russe durante la metà del 2023. Alla fine di ottobre sembrava che il DJIA, l'S&P500 e il Nasdaq avrebbero chiuso l'anno in territorio negativo. Tuttavia, il rally di Babbo Natale è arrivato prima del solito nei primi giorni di novembre. Gli indici sono tornati ai massimi da 2023 anni. Al momento in cui scriviamo, due dei tre principali indici statunitensi hanno testato i loro massimi storici, ma l'S&P 500 è ancora in procinto di farlo.

Ma il mercato è sempre insoddisfatto. Dato che l'inflazione è riuscita a scendere in modo significativo, gli operatori di mercato temono che la deflazione possa arrivare alle nostre porte. Forse è per questo che la Fed ha iniziato ad accennare a possibili tagli dei tassi nella prima metà del 2024. Il mercato si aspetta tre tagli dei tassi della Fed entro la metà del prossimo anno. Questo potrebbe essere visto come un fattore positivo per il mercato azionario. Tuttavia, i trader e gli investitori potrebbero considerarlo un segnale di preoccupazione. Perché?

Come abbiamo già detto, l'inflazione statunitense è in graduale calo. Tuttavia, non è ancora vicina all'obiettivo del 2% fissato dalla Fed. Inoltre, con i recenti forti rialzi registrati dai principali indici globali, l'inflazione potrebbe tornare a salire nel breve periodo. A questo punto Powell potrebbe tornare a ripetere che la Fed è pronta a intervenire nuovamente e a utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per far scendere nuovamente l'inflazione. E sappiamo che lo strumento principale è l'aumento dei tassi. Questo linguaggio è stato usato durante l'ultima conferenza stampa della Fed a dicembre. La precedente conferenza stampa della Fed, dopo l'annuncio dei tassi, è stata un po' un mix di dichiarazioni al pubblico sull'imminente taglio dei tassi, ma anche di rassicurazioni sulla volontà della Fed di inasprire la propria politica se necessario. Ciò potrebbe aver suscitato negli investitori sentimenti contrastanti, che si riflettono nel rallentamento dell'accelerazione dopo l'evento.

Ma ciò che ci preoccupa ora sono i tre potenziali tagli dei tassi prima della metà del 2024. Se ora l'attenzione si concentra su questo aspetto, ci fa pensare che la Fed possa aspettarsi un rallentamento dell'economia l'anno prossimo. I possibili tagli dei tassi in arrivo servono a stimolare il mercato e a ridurre l'impatto di un potenziale rallentamento economico.

Nasdaq

Analizziamo una delle teorie economiche più diffuse: la teoria del ciclo elettorale presidenziale. Essa afferma che il mercato statunitense deve attraversare quattro fasi. Durante il primo anno di elezioni, il mercato azionario tende a essere il più debole; poi si riprende nel secondo anno; nel terzo anno, mostra risultati eccellenti; e nel quarto anno, lo slancio verso l'alto svanisce. Se applichiamo questa logica, possiamo notare che il 2023 è stato un anno abbastanza buono, essendo il terzo anno del mandato presidenziale statunitense. Il 2024 è l'ultimo anno, poiché all'inizio di novembre gli americani si recheranno alle urne. Se seguiamo la logica di questa teoria, essa è in linea con quanto detto in precedenza sulla possibilità di un rallentamento economico nel 2024.

Months_Graph_LineUp

IL PETROLIO

 Parliamo un po' del mercato del petrolio. Quest'anno il petrolio WTI ha viaggiato sulle montagne russe a causa delle numerose incertezze del mercato. Inizialmente abbiamo assistito a un calo del prezzo, dovuto principalmente alle preoccupazioni di un possibile rallentamento dell'attività economica globale e all'aumento dei tassi. Inoltre, alcuni membri del gruppo OPEC+ si sono trovati in disaccordo sui tagli alla produzione, contribuendo a far scendere il prezzo. Tuttavia, poiché l'inflazione ha continuato a diminuire, il mercato azionario ha invertito la rotta. Il petrolio ha registrato una maggiore domanda e il prezzo ha iniziato a guadagnare slancio verso l'alto. Il rialzo è stato alimentato anche dall'Arabia Saudita, che si è impegnata a tagliare una parte della produzione all'inizio dell'estate.

Intorno alla metà di settembre, il petrolio WTI ha raggiunto l'area al di sopra dei 90 dollari, toccando il livello di 95. Subito dopo, però, la materia prima ha invertito la rotta verso sud. Al momento in cui scriviamo, il prezzo è al di sotto del prezzo di apertura di quest'anno, che è all'incirca di 80,50. Considerando l'attuale attività di trading del petrolio, la materia prima potrebbe faticare a tornare in territorio positivo entro la fine di quest'anno.

Nel 2024 potremmo assistere a un ulteriore calo del prezzo del petrolio. Il motivo? Il fatto che gli ecologisti si siano schierati a favore di una riduzione dell'uso dei combustibili fossili, fa sì che la domanda futura venga messa in ombra e ciò potrebbe avere ripercussioni sui Paesi produttori di petrolio. Il mondo continua a concentrarsi sull'energia verde e sul suo sviluppo. La minimizzazione dell'impronta di carbonio contribuisce a ridurre ulteriormente i prezzi del petrolio, in quanto le persone cercano di allontanarsi da questo prodotto di materia prima.

Tutto questo funziona bene mentre l'economia globale continua a funzionare senza problemi. Con questo intendiamo dire che, mentre assistiamo a una crescita economica costante, tutti si concentrano su come rendere il mondo un posto migliore dal punto di vista ambientale, sociale e, naturalmente, economico. Tuttavia, quando i tempi sono difficili, le prime due cose diventano meno prioritarie. È qui che la domanda di petrolio a breve termine potrebbe tornare a crescere leggermente. Questo potrebbe allinearsi con la teoria delle elezioni presidenziali statunitensi discussa in precedenza, dato che ci troveremmo nel quarto anno del mandato.

Tuttavia, lo scenario positivo è ancora più a breve-medio termine. Infatti, se il rallentamento dell'economia dovesse diventare più severo, ciò potrebbe avere ripercussioni negative su tutti i settori, compreso quello energetico.

WTI

L’ORO

Anche il percorso dell'oro nel 2023 è degno di nota. Il metallo prezioso ha toccato i massimi storici nella prima metà dell'anno, raggiungendo l'area 2081. In seguito, la spinta al rialzo dei prezzi è rallentata perché gli investitori hanno visto la materia prima come troppo ipercomprata. Gli investitori hanno iniziato a orientarsi nuovamente verso il mercato azionario e il dollaro USA. L'oro si è riavvicinato ai 1800, trovando un supporto vicino al territorio dei 1815. Ma le cose sono cambiate quando le tensioni in Medio Oriente tra Israele e Palestina sono aumentate all'inizio di ottobre. In quel momento il prezzo ha subito una brusca inversione di tendenza, poiché il metallo prezioso ha ripreso il suo status di " rifugio sicuro". Il mercato temeva un'ulteriore escalazione nella regione. Nel mese di ottobre, il metallo giallo ha guadagnato altri 200 USD per oncia. Nella prima metà di novembre abbiamo assistito a una discreta correzione di poco più di 70 USD. Ma si è trattato di una mossa temporanea, prima che l'oro cominciasse a ricevere un maggiore interesse da parte degli acquirenti. Il primo lunedì di dicembre, gli acquirenti hanno spinto il prezzo in un territorio inesplorato, toccando un nuovo massimo storico a 2144 circa.

Per il 2024, c'è la possibilità che la materia prima stabilisca nuovi massimi storici. L'indebolimento del dollaro USA sarebbe l'ideale e, unito alla debolezza del mercato azionario, potrebbe essere un cocktail perfetto per far salire l'oro. Abbiamo già accennato alla posizione della Fed su un possibile taglio dei tassi nella prima metà del 2024, che potrebbe portare a una potenziale debolezza del dollaro USA.

Dal punto di vista tecnico, il 4 dicembre l'oro ha toccato un nuovo massimo storico, raggiungendo un'area vicina alla soglia dei 2144 dollari. In questo modo, il metallo prezioso ha superato il suo precedente massimo storico vicino alla soglia dei 2081 dollari, raggiunta nell'aprile di quest'anno. Detto questo, prima dell'apertura del mercato UE il 4 dicembre, il metallo giallo è tornato sotto il precedente massimo di 2081. Da allora, il metallo prezioso ha continuato a correggere al ribasso, scendendo a un certo punto brevemente sotto la soglia psicologica dei 2000 dollari. Per ora, la materia prima rimane ben al di sotto del suo attuale massimo storico. Se continua così, potremmo assistere a una correzione più ampia verso la linea di supporto rialzista a lungo termine più ripida, tracciata dal punto più basso del novembre 2022. Detto questo, se il prezzo rimane al di sopra di tale linea, potremmo classificare la correzione come temporanea prima di un'altra fase di acquisti.

Anche se il prezzo dovesse continuare il suo viaggio verso sud, potrebbe trovare un supporto vicino all'ostacolo del 1933, segnato dal punto più basso di novembre. Intorno a quest'area, l'oro potrebbe anche testare la linea di rialzo più ripida, che potrebbe fungere da ulteriore supporto. Se ciò accadesse, i tori potrebbero approfittare del prezzo più basso, mandando eventualmente la materia prima di nuovo a nord. A quel punto punteremo di nuovo al territorio di 2081, la cui rottura potrebbe portare a un nuovo test dell'attuale massimo storico, a 2144. La rottura di questo ostacolo confermerà un massimo più alto, ponendo la materia prima in un territorio inesplorato. A questo punto utilizzeremo l'aiuto del nostro strumento di estensione di Fibonacci per cercare di individuare il nostro prossimo possibile obiettivo di resistenza. Il nostro grafico mostra che il prossimo potenziale obiettivo è l'estensione del 61,8%, intorno al livello 2180.

In alternativa, se il metallo prezioso rompe la ripida linea di rialzo, questo potrebbe segnalare una correzione più significativa verso il basso. A quel punto punteremo all'area del 23,6% della nostra estensione di Fibonacci, all'incirca intorno al livello 1830. Leggermente al di sotto, abbiamo un'altra potenziale area di supporto, vicino alla zona psicologica dei 1800. Se questa zona non riuscirà a rompere la caduta, esamineremo un possibile test di un'altra linea di rialzo a lungo termine tracciata dal punto più basso dell'agosto 2018.

Gold

CONCLUSIONE

Sulla base di tutto ciò che abbiamo menzionato sopra, possiamo provare a costruire un possibile scenario per il 2024. Potremmo assistere a un indebolimento del mercato azionario e del dollaro statunitense e a una continua domanda di metalli preziosi. Inoltre, avremmo dovuto menzionare che potrebbe esserci un certo interesse per altri rifugi sicuri, come lo yen giapponese e il franco svizzero. I mercati tendono a rivolgersi a loro quando non trovano più valore nelle classi di attività più rischiose, come le azioni.

Cosa dicono di noi i nostri trader

Migliora la tua esperienza di trading con l'app di easyMarkets

iOS Download
Android Download
Android APK Badge
keyboard_arrow_left
Chatta con noi
Messenger
  • 1. Metti mi piace o segui easyMarkets su Facebook
  • 2. Apri messenger e trova easyMarkets
  • 3. Inizia a chattare

Accettiamo richieste chat su Facebook
dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 22:00 GMT +2GMT +3

keyboard_arrow_left
Chatta con noi
WhatsApp
  • 1. Aggiungi il seguente numero easyMarkets all'elenco dei contatti +357 99 875 998
  • 2. Apri WhatsApp e seleziona il numero che hai appena aggiunto
  • 3. Inizia a chattare

Accettiamo richieste chat su WhatsApp
dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 22:00 GMT +2GMT +3

Grazie

Guarderemo il tuo messaggio e ti risponderemo presto.

Nel frattempo puoi controllare il nostro Centro di apprendimento oppure Leggi le nostre FAQ

Richiesta fallita

Qualcosa è andato storto. Si prega di riprovare.

Se la tua richiesta è urgente puoi chattare con noi qui

keyboard_arrow_left
Inviaci un messaggio

Grazie

Uno dei nostri rappresentanti del servizio clienti ti ricontatterà presto.

Se la tua richiesta è urgente puoi chattare con noi qui

Richiesta fallita

Qualcosa è andato storto. Si prega di riprovare.

Se la tua richiesta è urgente puoi chattare con noi qui

keyboard_arrow_left
Chiamaci
call
call
Richiedi una richiamata
Orario di contatto preferito
keyboard_arrow_left
Chatta con noi

Ciao! Benvenuto in easyMarkets. Ti voglio solo informare del fatto che siamo qui se hai qualche domanda o se hai bisogno di assistenza. Spero la tua visita ti piaccia.

Richiesta fallita

Qualcosa è andato storto. Si prega di riprovare.

keyboard_arrow_left
Chatta con noi
  • 1. Apri QQ e trova easy forex 易信 (800128208)
  • 2. Inizia a chattare!
keyboard_arrow_left
Chatta con noi
  • 1. Scannerizzare il seguente codice QR
  • 2. Inizia a chattare!

Accettiamo richieste su WeChat
lunedì-venerdì 8:00-22:00 GMT +2GMT +3